Le colline di Portacomaro si confermano tra le più vocate dell’intera zona dei 7 Comuni compresi nella D.O.C.G. Ruchè. Vino rosso di antica tradizione locale e ottenuto dall’omonimo vitigno, il Ruchè è caratterizzato da una sorprendente sinfonia di profumi che lo rende un vino unico, ottimo per accompagnare secondi di carne, formaggi o come vino da meditazione.

ruchè1

Vitigno: 100% Ruché

Zona di produzione: Portacomaro

Ettari: 0,8 in proprietà

Forma di allevamento: Guyot basso con 8/9 gemme sul capo a frutto

Gestione del terreno: interfila inerbito

Pratiche di concimazione e trattamenti: a basso impatto ambientale, lotta integrata mirata al rispetto dell’ambiente

Vendemmia: manuale

Vinificazione: diraspapigiatura e fermentazione a temperatura controllata a cappello emerso in vasche d’acciaio della durata di sette giorni

Affinamento: maturazione in vasche di acciaio inox per circa quattro mesi, affinamento in bottiglia per un ulteriore mese

Data d’imbottigliamento: Aprile

Colore: colore rosso rubino, non molto carico, striato da riflessi purpurei o violacei durante la giovinezza e tendenti all’aranciato se invecchiato

Profumo: intenso ed originale, con note floreali e spezziate, talvolta unite a sentori di frutti di bosco

Sapore: morbido e vellutato, leggermente tannico, dotato di medio corpo e anche in bocca da una buona componente aromatica e floreale

Gradazione alcolica: da 13,5 a 14 gradi a seconda dell’annata

Abbinamenti: con le carni stufate, gli arrosti ed in particolare con pollame e coniglio. Si abbina molto bene ai formaggi di moderata stagionatura. Ottimo con la pasticceria secca ed è possibile apprezzarne le sue caratteristiche utilizzandolo anche come vino da meditazione.

Servire ad una temperatura ambiente di circa 18 °C.

Formato bottiglia: bordolese da 0,75l o Magnum da 1,5l